Cristoforo Colombo

Dramma lirico

Di Luigi Illica

Musica di Alberto Franchetti

Prima rappresentazione: 6 ottobre 1892, Teatro Carlo Felice di Genova

 

PERSONAGGI DELLA PARTE PRIMA

 

CRISTOFORO COLOMBO (Baritono)
ISABELLA D’ARAGONA (Soprano)
DON FERNAN GUEVARA capitano delle Guardie del Re (Tenore)
DON ROLDANO XIMENES cavaliere, uomo di fiducia del cardinale Talavera, il confessore della Regina (Basso)
MARGUERITE (Baritono)
RODERIGO DI TRIANA (Basso)
MATHEOS capo ciurma (Tenore)
TRE ROMEI (BassoTenoreBaritono)
UN FRATE (Basso)
QUATTRO CAVALIERI (TenoreTenoreBassoBasso)

 

PERSONAGGI DELLA PARTE SECONDA

 

CRISTOFORO COLOMBO (Baritono)
ANACOANA (Mezzo-Soprano)
IGUAMOTA (Soprano)
GUEVARA (Tenore)
ROLDANO (Basso)
DIAZ (Tenore)
MARGUERITE (Baritono)
BOBADILLA (Basso)
NANYANKA

 

PERSONAGGI DELL’EPILOGO

 

CRISTOFORO COLOMBO (Baritono)
GUEVARA (Tenore)
UNA VILLANELLA (Mezzo-Soprano)

 

CORI

 

Cavalieri
Prelati
Cardinali,
Vescovi
Dignitari della Corona
Grandi di Spagna
Gentiluomini di cappa e di spada
Mazzieri
Paggi
Guardie del Sant’Uffizio
L’Inquisitore
Il cardinale Talavera
Frati di diversi ordini
Monaci
Alabardieri
Frombolieri d’Aragona
Soldati di ventura
Popolani
Marinai
Donne del popolo
Mozzi
Fanciulli
Vecchi
Indiani
Cacichi
Sacerdotesse
Butios
Bobites
Danzatrici ecc., ecc.

 (versione in tre atti e epilogo)

Atto Primo
Atto Secondo
Atto Terzo
Epilogo

 


Atto Primo

PARTE PRIMA

LA SCOPERTA
(ANNO 1487)
Vasto cortile nel Convento di Santo Stefano a Salamanca.
È separato dalla piazza da cancellate pesanti. A sinistra una gradinata, che mette ad una piccola terrazza sulla quale viene a sboccare la Porta Maggiore della sala scelta dal Concilio che deve esaminare le teorie di Colombo, confutarle, approvarle o respingerle. — Pure a sinistra, la porta del Convento di Santo Stefano (vi appartengono frati dell’Ordine Domenicano). A destra i giardini che circondano il palazzo dei Re di Castiglia e di Leone: nascosto in mezzo a piante l’Oratorio reale. La piazza di Salamanca è nell’estremo fondo al di là della cancellata.

 

SCENA I
(La piazza è gremita di popolo che si affolla dietro le cancellate chiuse ed a stento difese dagli alabardieri del Santo Uffizio che le guardano. La porta della sala del Concilio è pure guardata da alcuni alabardieri sulla terrazza. — Nella scena, a’ piedi della scala, stanno aggruppati molti cavalieri. — Un cavaliere si stacca su quel fondo splendido, pel suo strano disprezzo del vestiario, di color cupo e disadorno per un certo atteggiamento beffardo e spavaldo; costui è Messer Roldano Ximenes, l’uomo del cardinale Talavera, confessore della Regina. — Sta Messer Roldano, con fare di persona annoiata, appoggiato ad uno dei pilastri della gradinata ascoltando i discorsi che a lui rivolgono i circostanti cavalieri.

UN CAVALIERE
(a Roldano additandogli la plebe)
Vedi come s’affanna e rumoreggia
la plebe!…

ROLDANO
(con disprezzo guardando verso la piazza)
Eterna druda!

UN ALTRO CAVALIERE
(narrando)
Or dianzi io vidi
passare il Genovese sollevando
un fremer d’entusiasmi dietro a sé!…

ROLDANO
(ancora cogli occhi beffardi fissi sulla folla irrequieta)
La facil cortigiana!…
(ride)

UN CAVALIERE
Ser Roldano,
avrà fine il Concilio?…
UN ALTRO
Durò troppo!

UN ALTRO
(a Roldano, insistendo)
Qual è il vostro pensier?…

UN ALTRO
(additando la porta del Concilio)
E qual credete
sarà il dotto responso?…

UN ALTRO
…Al Genovese
daran le navi?…

"Dimmi il mio nome prima dell'alba, e all'alba vincerò"
Per vedere il libretto completo diventa parte di "Opera Libretto Club".
È gratuito, basta che ti registri qui sotto (nel form dopo quello per gli utenti iscritti).
Se sei già iscritto, effettua il log in.

This content is restricted to site members. If you are an existing user, please log in. New users may register below.

Accesso per utenti iscritti
   
Registrazione nuovo utente
*Campo obbligatorio