Le villi

Opera-ballo in due atti

Musica di Giacomo Puccini
Libretto di Ferdinando Fontana

Prima rappresentazione: 31 maggio 1884, Teatro Dal Verme, Milano
Versioni successive 26 dicembre 1884, Teatro Regio di Torino; 24 gennaio 1885, Teatro alla Scala di Milano; 7 novembre 1889, Teatro dal Verme di Milano.
Fonti letterarie: Les Willis di Alphonse Karr (derivato da Giselle di Théophile Gautier).

Personaggi:

GUGLIELMO Wulf baritono
ANNA figlia di Guglielmo soprano
ROBERTO tenore

Montanari, Montanare, Villi, Spiriti.

La scena è nella Foresta Nera.


Atto primo
[Preludio]
Spianata nel bosco.
A destra, sul dinanzi, una casa modesta, quella di Guglielmo.
In fondo, a sinistra, un sentiero che si perde nel folto salendo una rupe.
Da questa ad un’altra rupe un ponticello.
È primavera. – Alberi in fiore. – Festoni di fiori pendenti da ogni parte.
La scena è pavesata a festa.
Mensa presso la casa, con bottiglie, bicchieri, cibarie, ecc.
Suonatori presso la mensa.
Su una seggiola, presso la casa, la valigia di Roberto.

Scena prima
Guglielmo, Anna, Roberto, seduti a capotavola.
Coro di Montanare e Montanari. – Suonatori.
Roberto è in abito da viaggio.

[
Coro d’introduzione]

CORO
Evviva i fidanzati!
Viva il babbo Guglielmo!

ANNA, GUGLIELMO E ROBERTO
Grazie… grazie.
(Anna e Roberto si allontanano dal fondo dandosi il braccio. Guglielmo resta a mensa a trincare con qualche vecchio. Il coro dei montanari e delle montanare viene verso il proscenio)

MONTANARI E MONTANARE
(come chiacchierando tra loro)
Dalla vecchia di Magonza
Roberto ereditò!
Era avara la matrigna…
molt’oro accumulò…
Dunque povero stasera
Roberto partirà…
e a sposar la fidanzata
ei ricco tornerà!

TUTTI
(ridendo)
Ah!… Ah!… toh… N’ho piacer!
E crepi chi ha molt’oro
e non ne sa goder!
(si odono i preludi di un valzer. – Danze)

CORO
Su, gira!… Su, gira!… Su, gira!…
Su, balza!… Su, balza!… Su, balza!…
La musica freme e delira,
la danza sospinge ed incalza.
Gira!… Balza!…
Balza!… Gira!…
Oh, volano rapide l’ore
se il piede alla danza è legger!
Il ballo è rival dell’amore…
e il core fa batter davver!…

ALCUNI
(a Guglielmo)
Ohè… Babbo Guglielmo!… Perdio,
venite voi pure a danzar.

GUGLIELMO
Ebben, perché no?… Poffar mio!
Son vecchio, ma in gambe so star!
(va a prendere una ragazza e la invita a ballare con galanteria. Il vecchio Guglielmo, ballando fra gli applausi e le risa, esce colla danzatrice per la destra, dietro la casa. Tutti lo seguitano. La scena rimane vuota per un momento, poi Anna rientra sola dal fondo)

Scena seconda
Anna sola.

[Scena e romanza]

(con un mazzolino di nontiscordardime)
Se come voi piccina
io fossi, o vaghi fior,
sempre sempre vicina
potrei stare al mio amor.
Allor, dirgli potrei:
«Io penso sempre a te!»
Ripeter gli vorrei:
«Non ti scordar di me!»
Voi, di me più felici,
lo seguirete, o fior:
per valli e per pendici
seguirete il mio amor.
Deh, se il nome che avete
menzognero non è,
al mio amor ripetete:
«Non ti scordar di me!»
(va a mettere il mazzolino nella valigia di Roberto)

Scena terza
Roberto e Anna.
(vedendo l’atto di Anna e avvicinandosele sorridendo)

"Dimmi il mio nome prima dell'alba, e all'alba vincerò"
Per vedere il libretto completo diventa parte di "Opera Libretto Club".
È gratuito, basta che ti registri qui sotto (nel form dopo quello per gli utenti iscritti).
Se sei già iscritto, effettua il log in.

This content is restricted to site members. If you are an existing user, please log in. New users may register below.

Accesso per utenti iscritti
   
Registrazione nuovo utente
*Campo obbligatorio