Le fortune di Rodope e Damira
Dramma per musica.

Libretto di Aurelio Aureli.
Musica di Pietro Andrea Ziani.

Prima esecuzione: 26 dicembre 1656, VeneziaTeatro Sant’Apollinare.

Interlocutori:

Fanno il prologo
Il DILETTO basso
La LASCIVIA soprano
GIUNONE contralto
IMENEO soprano
 
RODOPE innamorata di Nigrane soprano
CREONTE re d’Egitto basso
DAMIRA moglie di Creonte creduta affogata nel Nilo, sotto nome di Fidalba soprano
NIGRANE cavaliere privato di corte amante di Rodope contralto
BRENNO generale dell’armi d’Egitto acceso di Rodope contralto
LERINO paggio di Rodope soprano
SICANDRO cortigiano favorito del re tenore
BATO villano basso
NERINA vecchia moglie di Bato contralto
ERPAGO pittor di corte tenore

Coro di Egizie con Rodope. Coro di Mori. Coro di Armati con Brenno.

La scena è in Menfi.

Illustrissimi signori
Signori, e padroni colendissimi.
Trasse questo mio parto i suoi natali sotto l’aspetto di un fato maligno, ed allevato tra le mie disavventure, godé però questa amica fortuna d’essere a prima vista raccolto da la benigna protezione di vostre signorie illustrissime.
Consacro questa mia debol fatica ai lor meriti, de quali per semplicemente accennarli, basti il dire, che vengono le fortune a umiliarsi ai lor piedi. Se tornasse un Ercole al mondo stupirebbe nel veder rinovata l’età de gli Alcidi, discernendo ne le persone di vostre signorie illustrissime il non plus ultra ne i termini de l’umana cortesia. Castore, e Polluce per esser nati gemelli meritarono d’esser collocati nel cielo, ed i nomi di vostre signorie illustrissime per esser pari ne la gentilezza son degni d’esser registrati a caratteri di stelle ne gli annali de l’eternità, non che ne la memoria degli uomini, tra quali vantisi pur chiunque vuole di esserle riverentemente affezionato, ch’io più di tutti mi pregio di vivere
di vv. ss. illustrissime
umil. devot. ed obbligat. servo.
Aurelio Aureli

Delucidazione
Rodope fu la più accorta, e famosa cortigiana, che a suoi tempi avesse l’Egitto. Mentre ella un giorno lavavasi dentro una fonte, fulle da un’aquila involata tra gli artigli una calza. Volò l’aquila sovra la piazza di Menfi, dove giunta lasciò cadere la calza in seno al re, che in quel punto dava al popolo di Menfi le leggi. Stupitosi il re di tale accidente, fece diligentemente cercare di cui fosse quella calza, e trovato, ch’ell’era di Rodope, non a pena la vide, che restò dal suo bello infiammato.
Questo si ha da l’historia in Polidoro, Virgilio, Erodoto, Strabone, ed altri autori.
Per tessere il dramma si finge che Creonte (così nominato l’egizio re innamorato di Rodope) fosse ammogliato in Damira principessa di Lidia, quale accortasi de gli ardori novelli del marito, procurasse con le preghiere, e col pianto di ammorzar nel sen de l’amato consorte quelle fiamme, che minacciavano ruinosi incendi al suo core: ma Creonte allettato più che mai da le accortezze di Rodope, e deposto l’affetto de la regina sua moglie, stabilì di voler privarsi di questa, per poter più agevolmente godere gli amplessi di quella.
Finse un giorno con Damira di voler seco andar deliziando in piccola barca per l’acque del Nilo. Fu la prima Damira a imbarcarsi, e quando credeva essere da Creonte seguita, d’improvviso si vide allontanata da riva, priva di nocchiero, che regolasse la barca, quale portata da la rapidezza del fiume ad urtare in un sasso tutta s’infranse, onde l’infelice regina fu di lontano veduta a scorrer fluttuante per l’acque.
Finse Creonte con le lacrime su gli occhi deplorare il caso funesto occorso a Damira (benché egli inventor fosse stato di stratagemma sì crudo) e credendola morta, e sepolta dentro i gorghi voraci del Nilo, fatti in Menfi celebrare i di lei funerali introdusse Rodope in corte, dandosi lieto a fruire quel bello, che solo possedere credeva, mentre ella come dama sagace provveduta s’aveva di più d’un amante dentro la reggia. Damira in tanto avvedutasi de l’inganno del re suo marito, prima ch’il picciol legno urtasse nel sasso, sgravatasi ad un tratto delle veste reali, al rompersi di quello gittossi in farsetto nel Nilo, e secondando la rapidezza del fiume, procurò coraggiosa natante di portarsi a riva. Fu soccorsa a le sponde del fiume da Bato villano, ch’ivi a caso pescava, e condotta dentro rustico albergo fu da la vecchia Nerina moglie di Bato sovvenuta d’un abito di pastorella a l’uso d’Egitto. Ricercata Damira de suoi casi da Bato, si finse Fidalba povera villanella d’Egitto orfana de’ genitori, condotta da la disperazione a gettarsi ne l’acque per volersi affogare. Restò da la pietà de suoi cortesi liberatori consolata ne le sue finte sventure; ed indi a poco adottata in lor figlia, non avendo essi prole. Visse qualche tempo la finta Fidalba sotto rustiche spoglie: disfogando per le selve il suo duolo con pubblicare a le piante l’acerbità de’ suoi casi, fin che un giorno Creonte tratto dal diletto de la caccia capita in queste campagne. Nel seguire un cervo li cade sotto il cavallo ed egli avvilupato con in piede ne le staffe rimane sotto al destriero, sotto il cui peso soffocato s’avria, se da Bato, ch’ivi a caso vicino vendemmiava, non fosse stato opportunamente osservato, e soccorso. Sottrasse il pietoso villano dal peso del destriero Creonte, e trovandolo per la caduta svenuto, credendolo morto su le spalle lo prende per portarlo dentro il suo albergo, senza conoscerlo per re de l’Egitto. Mentre viene incontrato da Sicandro cortigiano, uscito di Menfi per seguire ne la caccia Creonte, principiano gli accidenti del dramma.

Lettore
Aggradisci le mie debolezze, onorate di musica da la somma virtù del signor padre Ziani. Questi con la soavità del suo stile, e con l’invenzione dell’arie supplirà dolcemente a l’imperfezioni del dramma. Per soddisfare in parte a la tua curiosità, sono stati qui sotto stampatili nomi di quelli Virtuosi, che rappresentano le parti del dramma. Nel resto ricevi il tutto da un sommo desiderio, che ho avuto di compiacerti scrivendo, e vivi felice.

Prologo

Scena unica
Si figura nella tenda la porta, che introduce nella reggia del Diletto.

DILETTO
(di dentro)
In qual sito, in qual parte
di sì angusto teatro
il Diletto spiegare
può le pompe dell’arte?
Ov’è la scena? Omai
tempo è d’udir di varie voci il canto,
e attende ognun che si principi intanto.
Aprinsi queste porte,
e comparir si veggia
del Diletto la reggia.
(qui s’apre la tenda e si vede la reggia del Diletto)
Il Diletto, la Lascivia, che addormentano Imeneo. Giunone che sopravviene in macchina.

"Dimmi il mio nome prima dell'alba, e all'alba vincerò"
Per vedere il libretto completo diventa parte di "Opera Libretto Club".
È gratuito, basta che ti registri qui sotto (nel form dopo quello per gli utenti iscritti).
Se sei già iscritto, effettua il log in.

This content is restricted to site members. If you are an existing user, please log in. New users may register below.

Accesso per utenti iscritti
   
Registrazione nuovo utente
*Campo obbligatorio